Think Adhesive Journal

L’importanza dei materiali per un’odontoiatria conservativa più performante.

Dott. Enzo Attanasio

Restare al passo con i tempi è una prerogativa fondamentale per l’odontoiatra che vuole offrire trattamenti di qualità ai propri pazienti e godersi il frutto del proprio lavoro quotidiano in tranquillità.

In un momento storico come quello che stiamo vivendo, con il fiorire delle cliniche low cost ed il sempre attivo turismo odontoiatrico, scegliere le tecniche ed i materiali giusti per poter mantenere alto il proprio standard qualitativo, mantenendo contenuti i costi e riducendo i tempi di lavoro, risulta essere, ormai, fondamentale in ogni branca dell’odontoiatria.

L’introduzione degli adesivi universali

Il mercato, oggi, ci offre materiali estremamente performanti, esteticamente validissimi e con ottime capacità fisiche e meccaniche.

In questo senso l’odontoiatria conservativa adesiva ha fatto passi da gigante nell’ultimo decennio. L’introduzione degli adesivi Universali, ad esempio, ha permesso di abbassare drasticamente le difficoltà intraoperatorie della fase adesiva, rendendo tale pratica non più operatore dipendente.

Tale classe di adesivi ha quasi del tutto scongiurato la sensibilità post operatoria, spettro ormai di una conservativa legata al passato.

Mordenzanti

La mordenzatura selettiva dello smalto riduce il rischio di over etching a livello dentinale.

L’adesione in dentina è demandata ad una specifica molecola a base di 10 – metacrilossi decil didrogeno fosfato (10MDP), composta da due gruppi funzionali, uno fosforico ed uno metacrilico, separati da uno spacer group di 10 atomi di carbonio.

Il gruppo funzionale metacrilico è in grado di legarsi ad altri monomeri metacrilici (compositi). Il gruppo funzionale fosforico, attivo nei confronti dei tessuti dentali, cedendo ioni idrogeno si carica negativamente: ciò conferisce all’adesivo una debole acidità (classificati Mild).

Tale carica negativa richiama gli ioni calcio (Ca2+) liberi a livello dentinale instaurando, tra adesivo e substrato, legami di tipo covalente (i più forti esistenti in natura). Il sale di calcio e fosfato 10MDPCa è capace di generare un legame particolarmente valido in termini di forza adesiva ma soprattutto stabile nel tempo verso i fenomeni degradativi: ciò si traduce in longevità del legame adesivo stabilito.

Affinchè tale reazione avvenga è necessario un brushing attivo dell’adesivo per almeno 40 secondi sulla dentina. Ciò fa sì che, degradandosi lo smear layer superficiale, il 10 MDP possa interagire con i cristalli di idrossiapatite, creando il sale di calcio poc’anzi descritto. 

Questi sali si organizzano in dimeri, formando un’ultrastruttura denominata self-assembled nano-layering, che conferisce al legame adesivo quelle peculiari caratteristiche meccaniche e fisiche che rendono duraturo nel tempo il legame adesivo prodotto.

In un momento storico come quello che stiamo vivendo, scegliere le tecniche ed i materiali giusti per poter mantenere alto il proprio standard qualitativo risulta essere, ormai, fondamentale in ogni branca dell’odontoiatria.

Materiali compositi: una rivoluzione in atto

Anche i materiali compositi hanno subito una rivoluzione importantissima. Il continuo miglioramento dei nanoriempitivi con nuove tecnologie di filler e l’introduzione di moderne matrici organiche come quelle a base di TCD-uretano (prive di bisfenolo) offrono la possibilità di modellare con molta più semplicità i compositi, rivoluzionando i concetti di stratificazione obliqua, in favore di una stratificazione semplificata, orizzontale.

I tempi di lavorazione sotto la luce del riunito aumentati, la possibilità di creare strati più spessi e la grande lucidabilità di questi materiali è garanzia di velocità di esecuzione e successo a lungo termine dei restauri.

Con questa classe di compositi si riduce notevolmente lo stress da contrazione. La differenza, chiaramente, è notevole in caso di cavità con C-factor sfavorevole, laddove una stratificazione orizzontale non sarebbe consigliabile a causa dei distacchi adesivi e conseguenti gap marginali che ne deriverebbero. Avere a disposizione materiali che mostrano una contrazione post polimerizzazione minima, offre la possibilità di stratificare orizzontalmente, disegnando, ad esempio, l’intero tavolato occlusale in un unico step.

L’introduzione e la forte diffusione dei compositi bulk, che permettono di apportare strati spessi fino a 6 mm, è l’esempio lampante di come queste nuove tecnologie stiano rivoluzionando la conservativa moderna.

Dr. Enzo Attanasio

Caso Clinico

Semplificare i restauri grazie a materiali performanti

Il caso

Nel caso clinico descritto, affrontiamo una situazione nettamente sfavorevole in termini di C-factor: una prima classe profonda circa 4 mm.

Con i compositi tradizionali sarebbe stato necessario, una volta eliminato il tessuto rammollito ed effettuate le manovre adesive, stratificare diverse apposizioni di composito. Vogliamo, al contrario, dimostrare, come l’utilizzo di materiali molto performanti ed a bassa contrazione, come il Bulk fill universal ed il Venus Pearl della Kulzer, unitamente ad una tecnica di stratificazione semplificata “a stampo”, offra all’odontoiatra la possibilità di risolvere un caso non complesso, ma indaginoso, in maniera più semplice e veloce, mantenendo assolutamente elevato lo standard qualitativo proposto al paziente.

All’osservazione clinica del caso si evidenziava una lesione cavitata occlusale del 3.7, confermata ad esame radiografico bite wing. Si decideva per un approccio di restaurativa diretta e, valutando l’integrità del tavolato occlusale dell’elemento, si prevedeva di utilizzare la stamp technique, per copiare e riprodurre l’anatomia occlusale, rilevando con diga liquida, un’impronta di quest’ultima.

Tale metodica permette di ottenere un negativo del tavolato occlusale che fungerà da stampo personalizzato per poterlo riprodurre in maniera identica, infine, in composito.

Una volta isolato il campo con diga di gomma, strofiniamo del sapone liquido sul tavolato occlusale dell’elemento da trattare, così da evitare che la diga liquida possa aderire con troppa tenacia al substrato dentale. Iniettiamo, dunque, la diga liquida nei solchi e polimerizziamo per 10 secondi. Adagiamo, dunque, un microbrush al centro del tavolato occlusale e ricopriamo lo stantuffo ed una piccola porzione del manico, con altra diga liquida, avendo cura di ricoprire anche le cuspidi, che ci daranno un indice di riposizionamento favorevole. Polimerizziamo per 20 secondi e stacchiamo agevolmente il nostro stampo, che metteremo da parte.

Dr. Enzo Attanasio

Dopo aver eliminato il tessuto cariato con frese diamantate a grana grossa, rifinito i margini con frese a grana media e fine e deterso la cavità sabbiando delicatamente o con glicina, effettuiamo le manovre adesive mordenzando selettivamente lo smalto con acido ortofosforico al 37% per 30 secondi. Stendiamo l’adesivo universale i-Bond universal della Kulzer con un brushing attivo per 40 secondi su dentina e smalto e polimerizziamo con una lampada da 1200 mW, per 40 secondi.
Riempiamo i primi 2,5 mm di cavità con il Bulk fill flow della Kulzer e polimerizziamo per 20 secondi. Riempiamo il resto della cavità con una massa A2 di composito Venus Pearl e lo adattiamo approssimativamente, con un compattatore cilindrico, al fondo ed ai margini della cavità.

A questo punto prendiamo lo stampo che avevamo messo da parte, ne inumidiamo la superficie interna con dell’adesivo (i-bond) e lo riposizioniamo, aiutandoci con una pinzetta, sulla superficie occlusale del dente, guidati dalle cuspidi rimaste integre.

Rimosso lo stampo basterà rifinire i margini, eliminando il composito in eccesso ed accentuare, se necessario, i solchi e le creste con uno strumento a punta e polimerizzare per 20 secondi (in questo caso sono stati messi degli stain brown, chiaramente non necessari!).

L’ultima polimerizzazione viene eseguita sotto glicerina per scongiurare l’inibizione della polimerizzazione superficiale da ossigeno. Rimossa la diga, se le operazioni sono state eseguite in maniera corretta, non sarà necessario ritoccare l’occlusione. Grazie alla grande lucidabilità di questo composito, le fasi di polishing risulteranno velocissime. Con questa tecnica e sfruttando i materiali giusti, è possibile ottenere restauri semplici, veloci e molto duraturi.

Iscriviti alla Newsletter

Resta sempre aggiornato su tutte le novità dal mondo Think Adhesive!

Accedi all'Area Riservata

Accedi all’area riservata agli iscritti Think Adhesive.

26-26 Settembre | 9-10 Ottobre | 20-21 Novembre | 4-5 Dicembre

Il corso sarà strutturato in quattro incontri di due giornate ciascuno in cui si alterneranno sessioni teoriche ad esercitazioni..

Dott. Riccardo Becciani

Prossimi Corsi in calendario

Scopri i temi e le date dei corsi più vicine a te.

Un programma di aggiornamento odontoiatrico di altissimo livello per poter trattare nel modo meno invasivo possibile i pazienti, utilizzando le tecniche ed i materiali adesivi più aggiornati.

Think Adhesive.
Appassionati alla bellezza.
Seguici sui nostri social

© 2019 Think Adhesive. Tutti i diritti riservati.

Sitemap

Vincenzo Attanasio

Il dott. Vincenzo Attanasio si laurea nel 2008 con il massimo dei voti in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studio “Magna Graecia” di Catanzaro.
Si perfeziona nel 2009 in “Utilizzo del Laser e delle nuove tecnologie nel trattamento dei tessuti duri e molli orali e periorali” presso l’Università degli Studi di Firenze.
Nel 2009 frequenta il corso di Endodonzia Clinica presso il centro di Insegnamento di Microendodonzia del Prof. Arnaldo Castellucci in Firenze e nel 2012 completa la formazione in “Microendodonzia Chirurgica” presso lo stesso centro.
Nel 2017 frequenta il corso Teorico Pratico su “Restauri Adesivi Anteriori e Posteriori” presso il centro di formazione Think Adhesive del Prof. Riccardo Becciani in Firenze.
Socio dell’Accademia Italiana di Conservativa.
Pratica la libera professione interessandosi di Endodonzia e Conservativa Estetica presso il suo studio in Lamezia Terme.

×
Luca Breveglieri

Laureato in odontoiatria e protesi dentaria con lode presso l’università degli studi di bologna nel 2005 il dottor Breveglieri esercita attività libero professionale nel proprio studio di Reggio Emilia dove si dedica soprattutto alle riabilitazioni protesiche mediante tecniche minimamente invasive.

Dal 2015 collabora con il Dottor Becciani in qualità di tutor nel suo corso annuale.

×
Andrea Chierico

Dr. Andrea Chierico  laureato in Odontoiatria presso l’Università degli Studi di Padova (1987).

Specializzato in Parodontologia (CAGS) alla Boston University (1993-1995). Docente dal 1995 al 2001 nei corsi di perfezionamento in Chirurgia Orale e Implanto-protesi presso l’Università degli Studi  di Padova  di seguito  dal 2001 al 2004 presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e dal 2008 al 2010 presso l’Università internazionale di Catalunya (Barcellona), dal 2009 ad oggi docente presso l’Università degli studi di Torino (prof. M.Aimetti) nel Corso di Perfezionamento in Parodontologia. Socio fondatore BUIA. Dal 1995 ha partecipato come relatore in conferenze nazionali e internazionali trattando argomenti clinici e di ricerca sperimentale. Autore  e coautore di numerosi articoli nel campo implantare  e della rigenerazione  ossea  su riviste internazionali peer-reviewed. Socio attivo della Società Italiana di osteointegrazione . Membro della American Accademy of Periodontology.  Direttore sanitario dello studio odontoiatrico Synergy Dental  Team di Verona dove svolge la libera professione dedicandosi alla parodontologia, alla implantologia e alla chirurgia orale. Dal  2008 coordinatore presso la stessa sede di una attività didattica principalmente dedicata all’implantologia e parodontologia (Advanced Dental Culture WWW. abcdental.it)

×
Davide Faganello

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Padova.

È Socio dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP).
Ha frequentato numerosi corsi riguardanti la riabilitazione protesica su denti naturali ed impianti, l’estetica e la gestione dello studio odontoiatrico.

Tutor nel master in protesi fissa del dr. Mauro Fradeani. Esercita l’attività libera professionale dedicandosi alla protesi fissa su denti naturali ed impianti presso il suo studio ed in collaborazione con professionisti di rilievo internazionale.

×
Claudio Farnararo

Nel 1994 partecipa al programma internazionale AFS conseguendo il diploma di High School americano.

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Firenze. Ha conseguito la specializzazione in Chirurgia Odontostomatologica presso l’Università degli Studi di Firenze. Educatore certificato Dentsply Sirona dal 2012. Socio della Società Italiana di Endodonzia. Fondatore del centro corsi www.dental-art.education. Relatore a corsi e congressi sul territorio nazionale e internazionale. Esercita la libera professione a Napoli e provincia occupandosi di Endodonzia Microscopica. Professore a contratto, Master di II livello di Endodonzia, presso la Seconda Università degli Studi di Napoli (2015).

×
Edoardo Fossati

Laureato in Odontoiatria e Protesi con Lode nel 2015 e Master Universitario di II livello in Medicina Orale e cure odontoiatriche nei pazienti a rischio con lode nel 2017 presso l’Università degli studi di Torino. E’ tutor ai corsi del Dr. Riccardo Becciani e membro attivo del Think Adhesive, è anche tutor al Master Universitario di II livello in Medicina Orale presso l’Università degli studi di Torino. Ha frequentato numerosi corsi nazionali e internazionali, esercita l’attività di libero professionista occupandosi principalmente di Restaurativa, Implantoprotesi e Chirurgia Orale.

×
Matteo Goretti

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Firenze con il Massimo dei voti nel Novembre del 2007. Tutor presso Centro Corsi odontoiatrici di Firenze, Corso del Dott. Riccardo Becciani. Tutor presso Centro Corsi Ace Institute ai Corsi del Dott. Mauro Fradeani. Relatore in congressi nazionali. Esercita l’attività di libero professionista occupandosi di conservativa, protesi e implantoprotesi collaborando presso gli studi del Dott. Riccardo Becciani e Dott. Leonardo Bacherini

×
Giovanni Pietrarelli

Laureato con lode all’Università di Perugia nel 1996. Relatore nello stesso anno al Congresso Mondiale di Osteointegrazione. Ha seguito il corso in adavanted training in implant dentistry alla New York University in Buffalo, lo School Program in periodontology and clinical implant dentistry presso l’Ariminum Odontologica con i professori Jan Lindhe, Jan Wennstromm e Tord Berghlund, e diversi stage di perfezionamento in parodontologia e implantoprotesi presso la Goteborg University. Ha altresì frequentato numerosi corsi di chirurgia e protesi tra cui i corsi di protesi estetica minimamente invasiva con il Dr. Becciani Riccardo e il Dr. Mauro Fradeani. Esercita l’implantologia dal 1998. Dal 2002 è divenuto Socio Attivo della Italian Academy of Osseointegration (IAO). Socio attivo  PEERS di Astratech Dentsply . Autore di diversi articoli su riviste nazionali ed internazionali. Relatore a congressi nazionali e dal 2004 tiene corsi di implantologia di base e chirurgia avanzata .

×
Francesco Piras

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Firenze.

Ha conseguito il “Master PostUniversitario di II livello in MicroEndodonzia Clinica e Chirurgica” presso l’Università degli Studi di Torino Dental School, Direttore Prof. Elio Berutti. Clinical Assistant Professor “Master in Clinical and Surgical Microendodontics” presso la Torino Dental School dal 2016.

Educatore Cerificato Dentsply Sirona dal 2014, Certified Member ESE (European Society of Endodontology), fondatore del centro corsi www.dental-art.education, relatore a corsi e congressi in Italia e all’estero.

Libero Professionista a Firenze e provincia con attività dedicata alla Micro-Endodonzia.

×
Enrico Tiozzi

Il Dott. Enrico Tiozzi si occupa dal 1989 di protesi e chirurgia, implantare in particolare. Attualmente, oltre al proprio studio a Cesenatico, dirige e si occupa della sostenibilità e dello sviluppo del centro odontoiatrico e odontotecnico della comunità di San Patrignano con la socia dott.ssa Chiara Ferroni.

Si dedica alle riabilitazioni protesiche e implantari su base diagnostica digitale, seguendo un percorso di preparazione virtuale del caso clinico, dalla presa delle impronte alla realizzazione dei manufatti definitivi in ceramica.

×
Franco Vezzoni
×